> Home > Dove siamo > Area riservata > Contatti    
 
 
 
 
 
 

17/03/2014
CENTENARIO DELLA NASCITA DELLA BEATA M. GABRIELLA SAGHEDDU -1 -




17 marzo 1914 – 17 marzo 2014

Celebriamo in questo lunedì di quaresima, in grande semplicità, l’inizio del centenario della nascita della nostra sorella beata M. Gabriella Sagheddu.

Un inizio che porta l’impronta del nascondimento con cui la beata M. Gabriella ha vissuto tutta la sua vita: dalla risposta generosa alla chiamata ad una vita di silenzio e nascondimento nella Trappa, all’offerta della sua giovanissima vita per l’unità di tutti i cristiani facendo propria la preghiera di Gesù stesso nell’ultima cena : “Che tutti siano uno”. Un’offerta che è avvenuta con il consenso dei superiori ma completamente nascosta al mondo e alle sue stesse consorelle.

Questa offerta avveniva in un tempo in cui si cominciava a sentire lacerante nella Chiesa la lontananza tra fratelli di una stessa fede.

Non solo i dialoghi ecumenici e i gesti di avvicinamento reciproco hanno contribuito ad approfondire sempre più questo cammino ecumenico ma anche quell’ecumenismo spirituale fatto di preghiera e di offerta di cui la beata M. Gabriella è stata un’esponente esemplare, additata anche dallo stesso beato Giovanni Paolo II nella sua enciclica del 1995 “UT UNUM SINT”:

Pregare per l’unità non è tuttavia riservato a chi vive in un contesto di divisione tra i cristiani. In quell’intimo e personale dialogo che ciascuno di noi deve intrattenere con il Signore nella preghiera, la preoccupazione dell’unità non può essere esclusa. Soltanto così, infatti, essa farà pienamente parte della realtà della nostra vita e degli impegni che abbiamo assunto nella Chiesa. Per riaffermare questa esigenza, ho voluto proporre ai fedeli della Chiesa cattolica un modello che mi sembra esemplare, quello di una suora trappista, Maria Gabriella dell’Unità, che ho proclamato beata il 25 gennaio 1983. Suor Maria Gabriella, chiamata dalla sua vocazione ad essere fuori del mondo, ha dedicato la sua esistenza alla meditazione e alla preghiera incentrate sul capitolo 17 del vangelo di san Giovanni e l’ha offerta per l’unità dei cristiani. Ecco, questo è il fulcro di ogni preghiera: l’offerta totale e senza riserve della propria vita al Padre, per mezzo del Figlio, nello Spirito Santo. L’esempio di suor Maria Gabriella ci istruisce, ci fa comprendere come non vi siano tempi, situazioni o luoghi particolari per pregare per l’unità. La preghiera di Cristo al Padre è modello per tutti, sempre e in ogni luogo”.

La comunità ha celebrato questo inizio di centenario nella semplicità, cantando l’ufficio di Nona, presieduto da S. E. Mons. Lorenzo Chiarinelli (vescovo emerito della nostra Diocesi), attorno alla nostra sorella, nella cappella dove sono custodite le sue spoglie.

Nel pomeriggio Mons. Chiarinelli ha tenuto alla comunità una conferenza sull’ “Ecumenismo Spirituale”, a questo ha fatto seguito il canto di vespro da lui stesso presieduto.

Celebreremo con più solennità questo anniversario nel tempo pasquale per ringraziare il Signore del dono della nostra sorella beata M. Gabriella a tutta la Chiesa universale e per l’esempio che ci dona di santità nella semplicità, nell’abbandono fiducioso e nell’ascolto del cuore di Dio.

In Sardegna, dove è nata e dove è particolarmente amata e venerata, ci sono state diverse celebrazioni per ricordare questo anniversario.

Per approfondire di più la figura della beata M. Gabriella:

http://www.trappistevitorchiano.it/storia-beata-maria-gabriella.asp

http://www.trappistevitorchiano.it/storia-beata-maria-gabriella-articoli.asp

http://www.trappistevitorchiano.it/storia-beata-maria-gabriella-ecumenismo.asp


 





Torna indietro Torna su
 
 



Storia | La comunità | Vita nel Monastero | Contatti | Eventi | Pubblicazioni | Area riservata
Monastero Trappiste Vitorchiano - Informativa Privacy | Informativa Cookie
Realizzazione grafica: Monache Trappiste di Vitorchiano - Powered by InfoMyWeb - Presenti su T.I.V. - Tuscia In Vetrina